Striscia la notizia e il video su Giovanna Botteri, la replica della giornalista

Striscia la notizia e il video su Giovanna Botteri, la replica della giornalista 1

Giovanna Botteri è una bravissima giornalista Rai che nelle ultime settimane abbiamo visto spesso in collegamento con il Tg per gli aggiornamenti sull’emergenza Coronavirus dall’estero.

In molti hanno parlato del suo look, un look che noi troviamo serio e composto senza tanti fronzoli e lustrini, un look che rappresenta la serietà della Botteri ma che ha creato diverse polemiche, in particolare dopo un servizio di Striscia la notizia che secondo molti avrebbe preso in giro la giornalista evidenziando il suo look sempre uguale nei vari collegamenti:

“A ogni collegamento dalla Cina, la corrispondente sfoggiava il medesimo abito nero”.

La Botteri non ci sta e replica a questo servizio di Striscia con un lettera scritta a “Il Tempo”:

“Mi piacerebbe che l’intera vicenda, prescindendo completamente da me, potesse essere un momento di discussione vera, permettimi, anche aggressiva, sul rapporto con l’immagine che le giornaliste, quelle televisive soprattutto, hanno. O dovrebbero avere secondo non si sa bene chi… Qui a Pechino sono sintonizzata sulla Bbc, considerata una delle migliori e più affidabili televisioni del mondo. Le sue giornaliste sono giovani e vecchie, bianche, marroni, gialle e nere. Belle e brutte, magre o ciccione. Con le rughe, cu*i, nasi orecchie grossi.Ce n’è una che fa le previsioni senza una parte del braccio. E nessuno fiata, nessuno dice niente, a casa ascoltano semplicemente quello che dicono. Perché è l’unica cosa che conta, importa, e ci si aspetta da una giornalista.A me piacerebbe che noi tutte spingessimo verso un obiettivo, minimo, come questo. Per scardinare modelli stupidi, anacronistici, che non hanno più ragione di esistere. Non vorrei che un intervento sulla mia vicenda finisse per dare credibilità e serietà ad attacchi stupidi e inconsistenti che non la meritano. Invece sarei felice se fosse una scusa per discutere e far discutere su cose importanti per noi, e soprattutto per le generazioni future di donne”.

L’ordine dei giornalisti ha commentato la questione pubblicando questo comunicato stampa dopo il servizio di Striscia la notizia:

“In inglese si chiama body shaming, ma la potenza negativa di questa pratica si esprime bene anche usando l’italiano. Derisione, fino ad arrivare a vere e proprie offese, per come si appare, per come è il corpo, per come ci si veste.Nemmeno a dirlo è una pratica ormai diffusissima nei social network. Colpite sono soprattutto le donne, che sono il gruppo sociale più odiato in rete. Una forma di attacco subdolo perché attraverso la risata che vorrebbe suscitare, ridicolizza, ferisce.In questo ultimo periodo ne è stata oggetto la collega Giovanna Botteri, corrispondente Rai da Pechino. La si giudica, deride, offende per come si veste. Per i suoi capelli. L’abbiamo contattata per esprimerle la nostra solidarietà. Lei non ha voluto, non vuole farne un caso personale.Ma ci invita tutte e tutti ad una sacrosanta battaglia culturale. Lo fa con queste parole, usate nella nostra corrispondenza dì questi giorni.Cpo CnogCpo FnsiCpo Usigrai”

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui nella navigazione prendiamo atto che tu sia d'accordo con questo, buona visita.