Live, Angela da Mondello non può essere in studio, ecco il motivo

Live, Angela da Mondello non può essere in studio, ecco il motivo 1

Questa che sta per terminare è stata un estate molto particolare, un estate segnata dal CoronaVirus che ha condizionato più o meno le nostre vite, ma in questa estate fuori dal comune chi di noi non ha mai detto “Non c’è ne coviddi”, crediamo nessuno dato che è diventato il tormentone virale dell’anno, l’artefice? Angela da Mondello che in un servizio andato in onda mesi fa durante pomeriggio 5 ha pronunciato la famosa frase che è letteralmente scoppiata sul web.

Barbara non poteva farsi scappare il personaggio del momento e nella prima puntata di Live non è la D’Urso si è collegata con Angela da Mondello, la conduttrice ha spiegato però i motivi che le impediscono di stare in studio:

“Spieghiamo bene, tu non sei qui in studio per un motivo che racconteremo poi. Presto sarai qui con me. C’è un motivo ben preciso per il quale tu devi stare in casa, non è semplice. […] Io mi sono sentita al telefono con te una decina di giorni fa per chiederti se volevi venire da me. Mi hai detto delle cose, il perché non potevi venire a Milano. Hai una storia particolarissima. Tu hai avuto una vita molto strana e dolorosa. Hai delle cose da dire, ma lo faremo quando potrai venire in studio. Dobbiamo dire il motivo per il quale non puoi essere con me. Raccontiamolo, perché noi le bugie non le diciamo, tu non puoi lasciare la Sicilia”.

Le parole di Angela:

“Io lo dico, è difficile, ma sono onesta. Ho un problema con la giustizia. Sto scontando la mia pena adesso. Quando potrò muovermi racconterò chi è la vera Angela e cosa è successo. Ma preciso che non ho mai percepito un € da Barbara d’Urso e non ho nessun manager. Poi sapranno la storia e cosa ho fatto, ma non vengo pagata per fare queste dirette”.

Barbara ha poi concluso:

“Angela da Mondello ha avuto un problema non grave con la giustizia. Lei mi ha raccontato questa cosa al telefono piangendo. Dico che è una cosa collegata al figlio, quando lui stava molto male e poi vi racconteremo”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui nella navigazione prendiamo atto che tu sia d'accordo con questo, buona visita.