Alberto Tarallo ospite di Giletti su La 7 rivela:”Massimiliano e Adua non stavamo insieme..”

Alberto Tarallo ospite di Giletti su La 7 rivela:”Massimiliano e Adua non stavamo insieme..” 1

Alberto Tarallo finalmente ha parlato, il produttore dell’Ares Film dopo tante polemiche ha scelto “Non è l’arena” con Massimo Giletti su La 7 per replicare e dire la sua verità, una verità forte che farà molto discutere:

“Sono qui anche per difendere la memoria del mio compagno. Ero a un pranzo di lavoro mi ha chiamato un amico e mi ha detto, ti hanno definito Lucifero, lì per lì ho riso, poi quando hanno giocato duro, si sono riaperte molte ferite. Ho provato stupore, poi dolore, rabbia e schifo” 

Credo che nel caso di Adua questo tormento ha delle radici più profonde. Lei mi scriveva lettere piene d’amore e di riconoscenza. Ho trovato il cellulare di Teo e ho trovato le chat, anche con Adua, sono emersi ricordi dolorosi. Credo che alla base di tutto ci sia un rancore, perché non hanno lavorato più dopo la Ares, credo che qualcuno ha lavorato su questo rancore un po’ infantile per fare qualcosa contro di me, di solito non mi sbaglio.

Capiremo questa macchinazione da dove nasce. Poiché le fiction duravano diversi mesi e dovevano essere preparati sul set stavamo tutti a casa mia (a Zagarolo ndr). C’erano almeno 4 interpreti, quelli più deboli nella recitazione, c’era una insegnante di recitazione, uno di inglese e la sera tornavo io. Adua e Massimiliano vivevano in due depandance diverse. C’erano ritmi molto duri, come nel cinema, si alzavano presto alle 5.30, alle 6 già erano al trucco e poi si iniziavano le riprese, ma niente di più.

Non ho mai saputo che Adua fosse fidanzata, lei ci disse che aveva lasciato un fidanzato manesco a Messina e che non la lasciava libera di essere quello che voleva.

La loro storia è finta, come sono finti loro sullo schermo, una storia creata a tavolino da me, Losito, Enrico Lucherini e Sandro Mayer. Io e Teo abbiamo prestato una casa che avevamo a via Sistina, alla madre e alla sorella, se questo è evitare di far frequentare la propria famiglia. Era una favola quella con Garko sì, anche se lei si lamentava dell’atteggiamento di Gabriel Garko nei suoi confronti, quindi non so come lui l’avrebbe aiutata, come sta dicendo. Non so lei cosa ha raccontato, della storia d’oro con Massimiliano. Morra è stato cacciato da Teo perché Adua lo accusava di certe cose abbastanza gravi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui nella navigazione prendiamo atto che tu sia d'accordo con questo, buona visita.